Mercoledì, 07 Novembre 2018

Ottobre 2018

Non si sono registrati fatti di rilievo per quanto riguarda il monitoraggio e la gestione degli orsi. I danni si sono ridotti, essendo rientrato il bestiame dagli alpeggi. In questo periodo dell’anno in ogni caso i plantigradi si alimentano molto, in vista della stagione invernale nella quale il cibo è scarso. Oltre alla frutta domestica (soprattutto uva, mais, e mele) gli orsi si sono cibati molto di nocciole, faggiola e sorbo. Nelle ultime settimane si è provveduto al distacco da remoto ed al recupero del radio collare di due orsi (un maschio ed una femmina), avuto riguardo al fatto che le relative batterie erano ormai quasi scariche essendo praticamente concluso il periodo di monitoraggio. In entrambi i casi si trattava di esemplari non ritenuti problematici ai quali il collare era stato applicato per motivi appunto di monitoraggio e studio.
I lupi continuano a muoversi sul territorio provinciale nelle zone note, ancora senza evidenze particolari di frequentazione di nuove aree. Di rilievo invece l’operazione di cattura e marcaggio con radiocollare, di una femmina di lupo da parte dei colleghi della Provincia Autonoma di Bolzano. La lupa radiocollarata fa parte del branco transfrontaliero tra le province di Trento e Bolzano, che gravita tra val di Non e val d’Ultimo e dunque il monitoraggio della stessa è effettuato in modo coordinato tra le due Amministrazioni.

Foto P. Martinelli - Archivio Servizio foreste e fauna PAT - "Orsa con cuccioli in alimentazione su noccioli - autunno 2018"

TERRITORIO LINCE - LUPO - NATURA E AMBIENTE - ORSO



Potrebbe interessarti

Mercoledì, 26 Maggio 2021

Peller, incontro ravvicinato con un’orsa accompagnata dai cuccioli

Venerdì, 22 Gennaio 2021

Documento ISPRA sugli orsi problematici in provincia di Trento - gennaio 2021

Lunedì, 11 Gennaio 2021

DICEMBRE 2020