Il Progetto di reintroduzione Life Ursus

Nel 1999 per salvare il piccolo nucleo di orsi sopravvissuti da un’ormai inevitabile estinzione, il Parco Adamello Brenta con la Provincia Autonoma di Trento e l’Istituto Nazionale della Fauna Selvatica, usufruendo di un finanziamento dell’Unione Europea, ha dato avvio al progetto Life Ursus finalizzato alla ricostituzione di un nucleo vitale di orsi nelle Alpi Centrali tramite il rilascio di alcuni individui provenienti dalla Slovenia.

FATTIBILITA’ DELLA REINTRODUZIONE
Prima della realizzazione del progetto, l’Istituto Nazionale della Fauna Selvatica viene incaricato di analizzare la fattibilità e la probabilità di successo dell’immissione (Studio di fattibilità). Vengono analizzati 60 parametri, tra caratteristiche ambientali e aspetti socio–economici, su una superficie di 6500 km2, ben oltre i confini della Provincia di Trento. I risultati sono incoraggianti: circa 1700 km2 risultano essere idonei alla presenza dell’orso e più del 70% degli abitanti si sono detti a favore del rilascio di orsi nell’area.

REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
Tra il 1999 e il 2002 vengono rilasciati 10 orsi provenienti dalla Slovenia, la maggior parte dei quali sembrano essersi ben adattati al nuovo territorio, tanto da registrare a partire dal 2002 almeno 9 nascite.

N. Orso Sesso Età Peso (Kg) Anno  
1 MASUN M 4-5 99 1999  
2 KIRKA F 3 55 1999 partorito due cuccioli (2002)
3 DANIZA F 4-5 100 2000  
4 JOZE M 5-6 140 2000  
5 IRMA F 5-6 113 2000 morta sotto una valanga
6 JURKA F 4 90 2001  
7 VIDA F 3-4 70 2001 in Austria?
8 GASPER M 3 105 2002  
9 BRENTA F 3 70 2002  
10 MAYA F 5-6 86 2002 partorito due cuccioli (2003)

 

OBIETTIVI A LUNGO TERMINE
L’obiettivo è di consentire nell’arco di qualche decina di anni la costituzione di una popolazione vitale di circa 40-60 orsi adulti, la cui presenza interesserà molto probabilmente anche le province limitrofe. Non sono previsti ulteriori rilasci.

>> Ulteriori informazioni sul progetto (http://www.pnab.it/natura-e-territorio/orso/life-ursus.html).